Altri tre modi non convenzionali di usare Wikipedia

Posted on July 10, 2011 by

1


Wiki spiegata a mia nonna ospita la seconda parte del post di Elitre (autrice del blog [[doppiequadre]]) dedicato ad alcuni modi non convenzionali di usare Wikipedia. Prima parte qua.

La quarta opzione proposta dagli amici inglesi è chiacchierarne. Mentre su Wikipedia conversazioni e toni da forum sono assolutamente fuori luogo, così come le opinioni personali, nel resto di Internet naturalmente questa regola non vale. Innanzitutto è un modo per diffondere la conoscenza di Wikipedia, e poi in determinati ambienti può essere un buon metodo per ottenere feedback qualificati da parte di persone che davvero “ne sanno” sull’argomento. Contro: è noto che l’impostazione del punto di vista neutrale (che, giova ricordarlo, non è solo una forma mentis ma anche un obiettivo) è tipica della nostra enciclopedia, ma così tipica che altrove non solo non viene accettata, ma non viene nemmeno capita. Per questo in passato è capitato su it.wiki che determinate voci cadessero preda di edit war da parte di “fazioni” contrapposte che si erano organizzate altrove (ad esempio, su Facebook) per venire a imporre il loro punto di vista nelle voci (la loro parte di “verità”) più o meno in buona fede, nonostante fossero completamente a digiuno delle regole del sito. Io sono invece fermamente convinta che _parlare_ delle voci di Wikipedia, su qualunque sito, anche per criticarle, non è negativo; così ho cominciato io stessa (come racconto qui), e attirare nuovi utenti che guardino ai nostri contenuti con occhi diversi può darci una mano a migliorare i contenuti e svecchiare la comunità.
Per gli anglofoni ci sono siti come Reddit, in cui la sezione dedicata a Wikipedia ha oltre 70mila lettori che propongono le loro voci (o brani delle stesse) preferite, le quali poi vengono commentate e votate. Se qualcuno ha una soluzione magari meno oziosa per it.wiki, ce lo segnali.

Semplicemente guardandoci intorno, invece, potremo scoprire “connessioni” tra la realtà che ci circonda ed il nostro sito preferito. In alcune voci di Wikipedia infatti sono presenti delle coordinate che danno latitudine e longitudine esatta del luogo o persino dell’evento oggetto della voce. Anche da smartphone, infatti, è possibile visualizzare tramite questi dati informazioni provenienti dalle voci enciclopediche relative. Sulla Wikipedia in francese, ad esempio, cliccando sulla scritta in alto a destra accanto alle coordinate (carte) nella pagina su Parigi si aprirà una mappa (libera, da OpenStreetMap); già in sé contiene le informazioni utili delle mappe turistiche, inoltre è costellata di “segnalini” in corrispondenza dei luoghi e dei monumenti più rilevanti, che una volta cliccati rivelano immagini e il collegamento alle relative voci presenti nell’edizione linguistica che stiamo consultando. Funzione in corso di implementazione anche su it.wiki proprio in questi giorni! Provare per credere, cliccando ad esempio qui (se non trovate il link provate con altro browser o altra skin, oppure cliccate direttamente qui).

Infine, e questa parte è dedicata agli smanettoni, c’è un intero mondo di informazioni recuperabili tramite l’interfaccia nota come API; i programmatori possono così liberamente accedere, effettuare particolari ricerche complesse ed integrare i contenuti dell’enciclopedia nelle proprie applicazioni (come DBpedia). Per chi volesse cimentarsi, una buona lettura introduttiva potrebbe essere questo articolo recentemente pubblicato sul sito della IBM, mentre se queste funzioni per voi non hanno mai avuto segreti, potreste lavorare per WMF allo sviluppo di un software per analizzare l’uso che si fa di questo strumento.

E buon divertimento a tutti.

Posted in: Uncategorized